Nella mostra Boris Mikhailov. Prima di dormire / dopo aver bevuto. C/O Berlin

20190526_172015

È inverno due uomini stanno sul ciglio della strada, la neve sull’asfalto attorno a loro è schiacciata. I loro volti sono segnati dalla vita, ossa appena sezionate nelle loro mani, evidentemente l’enorme torace di un grande animale. Questa immagine della serie Case History (1997/98) di Boris Mikhailov mostra persone che sono cambiate a seguito degli sconvolgimenti politici, culturali e sociali nell’ex stato orientale dell’Ucraina. Sono antieroi, di cui Mikhailov rivela povertà, nudità e sessualità. L’interazione diretta con l’ambiente circostante e le sue immagini hanno reso il fotografo uno dei più importanti protagonisti di una fotografia spietata, brutalmente onesta e talvolta quasi voyeuristica. Mikhailov è unico nel trattare con il suo paese e la sua gente. Fino ad oggi, non solo ha rotto i suoi tabù con la sua scelta di temi ed estetica, ma ha anche influenzato molti dei suoi contemporanei. Fino agli anni ’90, tuttavia, il suo lavoro non veniva mostrato pubblicamente. Solo nel 1994 Mikhailov è venuto a New York con una borsa di studio, nel 1996 a Berlino e da allora è stato riconosciuto a livello internazionale. Con un lavoro virtuoso di quasi 50 anni, Boris Mikhailov è considerato la voce più importante della fotografia contemporanea e si erge sia politicamente che artisticamente per una nuova generazione di un mondo post-sovietico.

In occasione dell’80 ° compleanno di Boris Mikhailov, C / O Berlin mostrerà più di 400 fotografie che offrono una panoramica della sua opera completa. Argomenti come il corpo, la critica del sistema, la mortalità e l’umorismo si intrecciano con il background biografico di Mikhailov. Proiezione, una foto incorniciata sul muro e display da tavolo sottolineano le varietà del suo lavoro e la materialità della fotografia come oggetto. Ciò crea un dialogo formalistico, ideologico ed emotivo denso con l’opera di Boris Mikhailov.

 

 

 

Boris Mikhailov (nato nel 1938 a Charov, in Ucraina) è uno dei più importanti cronisti della vita quotidiana di una società (post-) sovietica. Mikhailov ha studiato presso l’Università Tecnica di ingegneria elettrica Kharkov e ha lavorato come ingegnere prima della fine del 1960 ha iniziato a fotografare da autodidatta. Le prime serie degli anni ’60 e ’70 spesso mostrano immagini personali di amici, conoscenti o partner dell’artista. Il mondo nei suoi quadri è sempre disadorno e rozzo – scene quotidiane, povertà, sessualità, disperazione, rassegnazione, decadenza di un’Europa orientale che dimentica. Mikhailov è sempre dedicato agli emarginati della società. I suoi lavori sono stati presentati in numerose mostre personali e collettive in tutto il mondo, tra cui più recentemente presso il Museo Sprengel di Hannover (2013), nella Berlinische Galerie, Berlino (2012), il Museum of Modern Art, New York (2011), la Tate Modern, London (2010), nella Kunsthalle Wien (2010) e nel Padiglione ucraino alla Biennale di Venezia (2007). Boris Mikhailov vive e lavora a Kharkov ea Berlino.

 

20190526_172157

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...